Interporto Abruzzo
| Vai al menu del sito
| Vai al corpo del sito
INTERPORTO D’ABRUZZO
Interporto d'Abruzzo, Green Transport Solution, Localizzazione strategica,Interporto Val Pescara spa, Intermodale srl
 
Newsletter...e sarai sempre aggiornato
 

News

APPROFONDIMENTO
Risultati Sorprendenti
Gennaio, 9TH 2019
 
L'avvio di un servizio intermodale multicliente verso il nord ha avuto grande successo, con l'80% del traffico che ha origine/destinazione nei paesi d'oltralpe. L'Interporto, inoltre, è la porta di accesso "delle merci" per il Centro-Sud Italia

Prima ancora dello start-up del progetto di finanza, fase che segna l’avvio del completamento strutturale e l’entrata in esercizio dell’Interporto d’d’Abruzzo, fu data massima priorità al potenziamento del livello di accessibilità di questo nodo logistico. La nostra strategia è stata quella di realizzare infrastrutture viarie, stradali e ferroviarie, che avessero un impatto positivo sul rating immobiliare. Volevamo attrarre gli operatori del comparto trasporto e logistica offrendo loro, non solo immobili in linea con le esigenze di una logistica “smart”, ma abilitanti per l’utilizzo efficiente dei sistemi di trasporto. Tutto questo si è materializzato con la realizzazione di un’uscita autostradale dedicata e l’ultimazione dell’infrastruttura di raccordo che sì allaccia all’infrastruttura ferroviaria nazionale con la stazione di testa Interporto d’Abruzzo. Sul tema specifico del trasporto intermodale, cioè per lo sviluppo dei traffici non accompagnati, abbiamo fatto molto di più.
Quest’area geografica, fatta eccezione per qualche test, non aveva mai avuto un’offerta di trasporto combinato. Il sistema produttivo faceva fronte alle esigenze trasportistiche terrestri, sempre più su lungo raggio, esclusivamente con il tutto- gomma. In questo contesto la domanda di esternalizzazione rivolta agli operatori logistici era basica e poco stimolante ai fini di un rinnovamento e ampliamento dell’offerta in chiave multimodale. Ecco perché l’interporto ha assunto iI ruolo di agenzia di sviluppo, con un’attività di disseminazione che l’ha visto protagonista di confronti e dibattiti con i principali stakeholder economici e di tante attività di animazione dedicate agli operatori del trasporto e della logistica. Il tutto per favorire l’affermarsi di una nuova cultura logistica ecosostenibile. In una fase temporalmente limitata, la società lnterporto VaI Pescara si è occupata della messa in esercizio di un servizio combinato multicliente e della sua commercializzazione.
Il risultato è stato sorprendente. Oggi, ma questo anche grazie alla spinta delle nuove politiche sulla mobilità delle merci, buona parte delle flotte in dotazione agli operatori di trasporto del territorio si compone di equipaggiamenti intermodali e il mondo produttivo incrementa sempre più i flussi intermodabili, grazie ai processi sviluppati secondo logiche collaborative. Il risultato è frutto di una combinazione vincente. Il modello logistico intermodale progettato è senz’altro uno dei principali fattori di successo. Essere collegati via ferrovia con il gateway di Novara ci ha permesso di allargare notevolmente l’area dei flussi intermodalì. Oltre il 180% dei traffici da noi terminalizzati ha origine/destinazione nei paesi d’oltralpe. L’Interporto d’Abruzzo, invece, è la porta di accesso per il centro-sud Italia. Da qui hanno origine o destino le tratte stradali per raggiungere i luoghi di destinazione o di carico. Luoghi che non sono sempre localizzati nel territorio della regione, ma anche in aree con termini. Abbiamo sfruttato al meglio il vantaggio dell’infrastruttura di rete ad alta capacità della dorsale adriatica e fatto investimenti per abilitare lo scalo alla terminalizzazione di merci pericolose. In più abbiamo collaborato con il decisore politico sulla programmazione del potenziamento infrastrutturale, traguardando il raddoppio della linea ferroviaria sulla tratta Pescara-Manoppello. Con quest’ultima opera avremo un terminal in linea con lo standard europeo di massima efficienza, con treni ottimizzati in lunghezza e portata. Siamo pronti ad affrontare le nuove sfide della transizione ecologica del trasporto e della logistica.

Fonte: EUROMERCI, N°11/2018 NOVEMBRE
 
 
 
 
Torna in alto
Alias2k | realizzazione siti web, grafica, web design, internet, intranet, extranet, visual design